Tornare a Casa.

Dopo 4 mesi, si ritorna a casa.

Una breve visita, 6 giorni per salutare la mia famiglia: la mia mamma, il mio papà, la mia macchina, la mia camera, i miei nipotini. Tutti insomma.

L’ansia che mi coglie è immensa.

Ho un piercing alla lingua, ho 25 anni, lavoro all’estero, sono indipendente. E ho una fottuta paura di tornare a casa.

Ho paura dell’abbraccio sincero di mia madre, ho paura di guardarla in faccia.

Ho paura, perchè dopo 4 mesi, dovrò mentire ancora.

Omosessuale. Lesbica. Sbagliata.

Questo è quello che sono a casa mia. Questo è quello che non sanno.

Felice. Questo è quello che sono qui a Brighton.

Non ho avuto bisogno di mentire a nessuno durante questi 4 mesi. E mi sono sentita anche un po’ una merda, perchè i contatti con i miei genitori sono stati davvero pochi (1-2 volte a settimana).

Per l’ennesima volta mia mamma non sa nulla di me, e io lo so che sta male, ma non è colpa di nessuno.

Tante volte avrei voluto dirglielo, tante volte ho provato a vomitare fuori quello che volevo dirle. E poi alla fine niente.

Sono una vigliacca? Forse.

Vorrei andare a dormire dalla Vale, è la mia ragazza, e io ho 25 anni. Dovrei essere libera di fare quello che voglio. E ho paura di dare spiegazioni. “Torni da Brighton per una settimana e dormi da un’altra parte? Con chi esci? Da chi dormi?”

Sempre le solite domande. E io ho paura.

Ho quasi la sensazione di trovarmi in un limbo. Da una parte ho la mia solita vita, i miei amici, la mia famiglia, un posto sicuro. Dall’altra la libertà di essere ciò che sono. E sono incastrata nel mezzo. Perchè sono una persona normale. E vorrei l’appoggio della mia famiglia, e vorrei vivere la mia vita tranquilla.

Riassumendo: mi sto cagando sotto.

Considerazioni.

Ogni tanto ripenso alla mia scorsa estate.

E’ stato davvero un brutto periodo per me. Ero così felice della mia nuova vita, avevo la mia laurea, il mio lavoro, i miei amici, una storia importante.

La fine di quella storia ha stravolto completamente la mia vita. Per fortuna.

Sono letteralmente caduta in un baratro: disperazione totale.

E poi? Poi non lo so. Poi sono tornata ad essere me stessa. Ho ritrovato i miei amici, ho fatto una marea di cavolate. L’Estate più brutta della mia vita, improvvisamente si è trasformata in quella più memorabile.

Ho fatto i conti con me stessa, ho incontrato una persona speciale, ho scoperto che l’amicizia vera esiste.

Ed è stato tutto stupendo.

Perchè ad un certo punto sono stata bene e basta.

Ora vivo dall’altra parte d’Europa, ho conosciuto un sacco di persone nuove, la mia nuova città è stupenda, eppure manca qualcosa.

 

Mi mancano i Vodka Orange al bar, mi mancano le serate al parco, mi manca il Jappo all u can eat (bufali affamati edition).

Mi manca la Vodka alla Mou, gentilmente offerta dal barman.

Mi manca la Coca Cola Zero a 4 euro e 50.

Mi manca correre per strada come i barboni, sapendo che regalano sushi all’inaugurazione del nuovo Giapponese.

Mi mancano i viaggi in macchina con le canzoni più tamarre del momento, mi mancano i viaggi di ritorno ascoltando i Rio e Ligabue.

Mi mancano le risate, i pianti.

Mi manca “l’ultima paglia” prima di andare a casa.

Mi mancano i selfie stupidi.

Mi manca sentirmi parte di qualcosa.

Vi voglio bene amici miei. ❤