per fortuna che sono un’ infermiera.

E niente, nonostante la mia vita sentimentale ultimamente sia UNAMMERDA, la mia vita lavorativa procede abbastanza bene.

Lavoro tanto, sempre, di continuo. Posso dire di essere stata fortunata, mi sono integrata bene con i colleghi, la maggior parte di loro sa di me, parla con me, mi danno consigli e mi tengono su di morale con le cretinate più stupide.

E poi ci sono loro, i pazienti. Una 60ina di ottantenni, qualche centenario, quelli con l’Alzheimer, quelli soli, quelli più simpatici e quelli meno simpatici.

Professionalmente, lavorare in una casa di riposo ti fa scendere la catena, perchè è tutto guale, non si impara mai nulla, passi ore a correre e a distribuire pastiglie su pastiglie, insomma, una noia.

E per ora trovo il modo di passare i lunghi pomeriggi e le lunghe mattine in struttura. Come?

NUOVA SFIDA.

Ogni giorno una citazione diversa. Più precisamente di Rapper.

“Ogni vizio, una condanna, ciò che ami poi ti ammazza.”

Prima citazione, ieri. Ho riscontrato pareri molto positivi. “hai ragione, chi l’ha detto?” “JAx” “geichi???”

Oggi invece mi sono lanciata con una frase un po’ più impegnativa, ma comunque molto profonda lo stesso:

“I russi coi miliardi fanno shopping da Trussardi
una volta erano Zar, sono diventati zarri.”

E non lo so come mi è passato per la testa, ma vi giuro, ho riso tutta la mattina.

“eh, i Russi coi miliardi fanno shopping da trussardi, va bene.. E cos’è che sono diventati?”

“ZARRI”

e la signora a fianco ” sono diventati SARDI”

“ZARRI, ho detto che sono diventati ZARRI”

“mah, ha detto che sono diventati Zarri..”

“COS’è CHE SONO DIVENTATII??”

Questa è stata la mia mattinata di lavoro, tra una cosa ed un altra, ho la fortuna di essere una scema, e questa cosa non la perdo, nemmeno nella depressione post-rottura. Anzi, forse sono peggiorata da questo punto di vista.

Come dico sempre, sono dei patatoni.

Ivo mi chiama sempre, perchè sa che quando mi chiama, corro da lui e lo stritolo. E’ un omone, di una dolcezza rara. Oggi ho provato a combinare un matrimonio tra lui e la Maria.

Lui: “guarda quella ragazza li che bella che è..”

io: “ti piace la Maria? Aspetta che te la metto qua vicino.. Maria, vieni.. Ti ho trovato il moroso, cosa pensi di lui?”

Lei: “ah, è un bell’uomo!”

io “se volete potete anche tenervi per mano”

Lui “ma potrei essere suo padre, non vedi che ho cent’anni più di lei?”

..Erano tutti e due li che si guardavano imbarazzati, e no, lei avrà avuto al massimo 10 anni in meno di lui, e non penso che tra un 80enne ed una 70enne ci siano problemi di età 😀

Oggi

7 thoughts on “per fortuna che sono un’ infermiera.

I commenti sono chiusi.