Pensieri pomeridiani

E niente. Più passa il tempo e più penso che le abbia dato troppa importanza. Ho cambiato un sacco di atteggiamenti per lei, tipo smettere di parlare con le persone perchè io, secondo lei “facevo l’oca”.

E poi penso a come è fatta e a cosa le passa per la testa. Si butterà via come sempre, si darà a gente a caso, perchè volendo o no, le persone non cambiano mai.

E ha fatto così con le sue ex, si è comportata bene con me per due anni, e continuerà a fare così. Senza ammettere quello che è. Le sue relazioni continueranno così, con la maturità che serve in un rapporto, ma fino ad un certo punto, perchè poi se diventa troppo serio “non sa cosa dire a sua madre”. E ha 27 anni.

Io ho ammesso a me stessa cosa voglio dalla vita, a mia madre non le ho più detto “non è vero”, piuttosto che mentire sui miei sentimenti, io non rispondevo.

Ho fatto coming out con i miei compagni dell’università, anche a lavoro.

“e se poi non mi considerano e mi trattano male”? pace. Io sono quella che sono.

Andavo fiera della nostra relazione, e a distanza di due settimane, quasi me ne pento di averti dato tutto. Perchè non te lo meritavi. Maturità è quello che ci vuole nella vita. Maturità nell’affrontare le cose e non a comportarsi da bambina.

Spero che possa trovare anche lei la sua storia “importante” da farla maturare, da farle capire che una relazione è davvero un progetto di vita, e lei con me non ci ha nemmeno provato. Come una codarda. Perchè avrebbe dovuto dare spiegazioni, perchè avrebbe dovuto pulire casa, ma avrebbe avuto accanto a lei una persona che ogni mattina le avrebbe ricordato quanto bella fosse.

Ma i complimenti fanno più piacere se vengono fatti da un estranea, perchè c’è il brivido della serata.

Avevi una persona che sapeva riconoscerti tra la folla. E adesso vai pure a fare quello che non ti riesce,: avere relazioni frivole con gente a caso.

fare cose a caso

Una cosa che mi ha insegnato Lei è stata quella di fare cose a caso quando ci si lascia.

Girerò con un cartello in testa con scritto “regalo limoni duri”.

(che tanto di sicuro è andata in giro a fare cose ignobili, fa sempre così)

Se no mia madre mi chiamava Gioconda.

e poi #2

tenevo una specie di diario in cui scrivevo le cose che volevo dirle. Tutto quello che mi passava per la testa. E basta, non si merita tutti questi pensieri.

La cosa che fa stare più male è il suo sparire, dire cose tipo “cosa pensi che non mi manchi”, che poi i fatti sono altri.

Inizio a mettere in dubbio ogni cosa per davvero, che poi è inutile che mi venga a dire “le cose che ti dicevo, che facevo, io le pensavo”. Talmente tanto che ti trovo su Brenda, a lamentarti della gente “non originale”.

Ma per favore. 27 anni, si spaccia per una 21enne. Non ha mai accettato il fatto di non essere più una sedicenne. Ed è per questo che scappa, e nemmeno trova le parole per dirmi che non mi ama.

Immatura. Si è fatta prendere da non so cosa, o non so chi, a questo punto. Mi blocca su whatsapp, su facebook non ce l’ho più.

Sono l’unica delle sue Ex che non è rimasta nell’harem a venerarla. Presenza scomoda. Brutto rendersi conto di aver usato una persona per dimenticarne un’altra, ci ha messo due anni a rendersene conto, e come è arrivata, così è sparita.

“mi hai salvato la vita” ma quante parole a caso che hai usato. Quante? Boh.

Io proprio boh.

E mi rompe aggiornare il blog ogni 20 minuti, ma da qualche parte dovrò sfogarmi.

E ho l’ansia, Perchè ho permesso a lei di prendersi il mio cuore e di farne brandelli, come farò a fidarmi di nuovo di qualcuno? senza fare paragoni, senza pensare che con lei stavo bene.

Mi fa schifo aspettare. Non sono una persona paziente, odio stare male, odio sentirmi male per colpa di qualcuno. A caso. Totalmente a caso.

E poi.

Cosa me ne faccio di tutti questi ricordi? non li voglio più.

Le vacanze in puglia, il concerto di vasco, il weekend a Firenze, tu che ti appendi sugli alberi con la carrucola, le giornate perse a farci le coccole, tu che mi tranquillizzi e mi dici che mi ami, le avventure dai carabinieri, the human body exhibition, tu che mi abbracci e mi tranquillizzi.

Io boh. Sembra tutto proprio assurdo. Da un giorno all’altro sei scomparsa. Così.

Due anni e tu che dicevi di amarmi, tu che dicevi che ti avevo salvato la vita, tu che dicevi che non credevi più nell’amore. Tu che mi dicevi “ti amo”.

e fino a due settimane fa era così.

Non ti ho fatto niente, e non vuoi sentirmi, e mi rispondi male, come se non mi conoscessi. Non mi rimane niente di quel “noi” che eravamo.

E porca troia se fa male.

Abituarsi

Mi abituerò alla solitudine.. E non sono mai stata brava.

Faccio talmente schifo a stare da sola, che ieri sera mi sono ritrovata a dare la buonanotte a una che nemmeno conosco.

Tipa X :”ah quindi andrai alla serata”

io: “eh si”

Tipa X: “dai ci possiamo andare insieme”.

E per la prima volta mi ritrovo a non voler niente da nessuno.

Devo abituarmi. A stare da sola, a non darti più la buonanotte, a sentire le tue amiche che mi dicono “sta male anche lei, ma in modo diverso, è confusa davvero”. Devo abituarmi a lasciarti stare, a pensarti come una sconosciuta, a fare finta che tra me e te non ci sia mai stato niente.

Mi urta non poter avere niente da dire, due anni e due mesi, lasciati andare così, senza un misero perchè. “sono confusa, non so se provo affetto o amore”.

Che bello. E che culo.

E penso al suo viso, ai suoi capelli, penso alla sua pelle. E penso vaffanculo. Dal primo giorno che l’ho vista, dal primo momento, lei ha avuto un effetto ipnotizzante su di me. c’è poco da dire.

E stanotte ho sognato che mi salutava, come ogni volta che veniva qui, mi abbracciava, mi stringeva, non voleva farmi andare via. E poi? e poi boh, l’ho trovata a limonare con uno. Grazie cervello. Voglio sognare altre cose. Non voglio più avercela in testa. Mi sembra di impazzire.

E intanto dopo 10 giorni che non mangio, ieri mi sono data ai drink pomeridiani, uno schifo insomma.

Mia mamma, entra in camera, e mi dice cose, cerca di farmi mangiare.. Ma io non ho fame. Mi bastano un succo di frutta per riempirmi. E spero che anche questa cosa passerà, perchè di certo non mi fa bene.

Che poi, entra in camera e va via con il sorrisino, perchè lo sa. Lo sapeva che prima o poi sarebbe finita. E sa anche che prima che tornerò con un altra, ne passerà di tempo.

Roba che fino a due settimane fa mi diceva “amore, voglio una casa con te, voglio viverti sempre”, e adesso “lasciami stare non ho voglia”.

Egoista di merda.

Bello abbandonare la nave e poi non volersi sentir dire niente. Come se non fosse mai esistito nulla.

BAH.