Liebster Award, Grazie :)

Il Liebster Award è un premio per i migliori blog emergenti che conosciamo, ogni persona nominata può a sua volta nominare come vincitori del premio altri 10 blogger, e cogliere così occasione per farsi conoscere da loro, ma anche per far conoscere i loro blog.                                                                                   liebster-award

Io sono stata nominata da Steve Jay Pick (thosemen.wordpress.com)

Come partecipare?
– Rispondere alle 10 domande.
– Nominare altri 10 blog (meglio se con meno di 200 follower).
– Comunicare la nomina ai 10 blogger scelti.
Let’s go!

Perché hai aperto un blog?

Mi serviva un modo per esprimermi. Avevo bisogno di raccontarmi, di parlare della mia vita senza filtri.

Ci parli un po’ delle tue passioni?

Non sono una grande lettrice, cambio hobby di continuo, mi piacerebbe riprendere con la Kickboxing (visto che la mia università mi ha rubato la vita) suono la chitarra, vorrei una macchina fotografica seria per fare foto serie.

Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un blogger e in che modo?

sentire i pareri di chi mi legge mi fa sempre un sacco piacere, è gratificante pensare che ci sono persone che perdono due minuti della loro vita a leggere le cose che scrivi.

Di cosa parli nel blog?

Amore, situazioni difficili in famiglia, omosessualità, coming out (più o meno). Parlo di me, di quello che mi succede, di quello che mi viene in mente.

Hai creato un rapporto di amicizia con altre blogger? Vi siete mai conosciuti personalmente?

Ho trovato modo di confrontarmi con altri blogger, ma non ho mai visto nessuno di persona.

Come immagini il tuo blog tra due anni? Vorresti vederlo crescere/cambiare e in che modo?

Non ne ho idea. Sinceramente spero di non aver più paura di niente e di nessuno, spero di poter fare il mio nome senza l’angoscia costante del tipo “ci manca solo che i miei scoprono che ho un blog”

La cosa che sai fare meglio?

Non giudico. Per fortuna i miei professori mi hanno insegnato ad usare il cervello. La cosa che mi riesce meglio è non giudicare.

Per il resto mi reputo una persona abbastanza mediocre, nel senso che non ho mai raggiunto livelli di eccellenza in niente. Mi mischio tra la folla.

Quanto tempo dedichi al blog?

Dipende dal tempo che ho a disposizione, però leggo sempre mail e commenti in tempo reale, cerco di rispondere sempre a chi mi scrive.

Come nascono i tuoi post?

Tante volte parlo con la mia ragazza e dico “no vabbè, questo va scritto sul blog”, altre volte mi capita che sono in treno e abbozzo qualcosa sul mio bellissimo Windows Phone, altre volte mi succedono cose e decido di scriverle.. Solitamente nascono per caso, comunque sono esperienze di vita 😀

I blog che nomino sono:

Nessun Armadio / Respiro Arcobaleni / Hanging clouds / Pensieri di Elpìs / Those men / Giorgeliot / Lefty Lesbian / Volevo Stare Zitta / Non ci sono solo le etero / Mamma&Mami 

Chi è stato nominato, può copiare ed incollare tutta la roba qui sopra. Cambiate le risposte come ho fatto io e nominate i blog che più vi piacciono! 😀

8 thoughts on “Liebster Award, Grazie :)

  1. Grazie! 😀 *lusingata*
    Non conoscevo questo premio, ma hanno fatto benissimo a nominarti. Il tuo blog è fantastico, lo sto consigliando praticamente a chiunque mi capiti a tiro, e sono contenta di avere l’opportunità di conoscere anche gli altri blog che hai nominato, alcuni dei quali sono nuovi per me. 🙂

    • 🙂 nemmeno io ne ero a conoscenza.. E sono io che devo ringraziare te, e tutti quelli che mi leggono, mi scrivono, e parlano bene di me 😀

  2. Ciao Rose, ti chiedo scusa per l’imperdonabile ritardo con il quale rispondo, dopo aver ricevuto questa inaspettata e graditissima nomination.
    Sono all’estero per lavoro da due settimane e negli ultimi tempi non ho controllato il mio blog.
    Ti ringrazio tantissimo …. Sei davvero molto gentile e sono altrettanto contento per il premio al tuo blog, dove leggo pensieri e riflessioni mai scontate!
    Non appena mi sarà possibile provvederò a ricambiare il pensiero, condividendo l’Award anche sul mio blog.
    Grazie ancora.
    Marco

  3. Le domande che ti hanno posto mi piacciono molto, quindi mi permetto di rispondere anch’io.

    Perché hai aperto un blog?
    L’ho aperto senza volerlo. Cerco di spiegarmi meglio.
    Quando creai un indirizzo di posta elettronica Hotmail, contestualmente mi venne regalato un blog WordPress (non scelsi neanche il nome, lo formarono loro con le lettere che avevo messo prima di @hotmail.it): se non mi avessero fatto questo omaggio, non sarei mai diventato un blogger. 🙂

    Ci parli un po’ delle tue passioni?
    Libri, film, musica, fumetti. Non necessariamente in quest’ordine.

    Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un blogger e in che modo?
    Ho aperto il blog nel 2008, e fino ad inizio 2013 mi leggevano soltanto i miei amici e nessuno mi lasciava mai uno straccio di commento. Di conseguenza, per me ogni singolo commento, perfino ogni singolo “Mi piace” è sempre una gioia immensa, perché mi ci sono voluti anni per ottenerli.
    Ovviamente sono anche molto utili, perché vedendo quali sono gli articoli più commentati riesci a capire quali sono i gusti dei tuoi lettori.

    Di cosa parli nel blog?
    Nel mio blog cerco di dare spazio soprattutto a libri e film che hanno avuto meno successo di quanto meritassero. Sapere che c’é qualcuno che li scopre grazie a te é sempre una grande soddisfazione. 🙂

    Hai creato un rapporto di amicizia con altre blogger? vi siete mai conosciute personalmente?
    Ho conosciuto tante persone splendide, che senza il mio blog sicuramente non avrei mai incrociato. Amicizia comunque è una parola grossa, e non ho mai incontrato nessun blogger personalmente.

    Come immagini il tuo blog tra due anni? vorresti vederlo crescere/cambiare e in che modo?
    Non voglio vederlo cambiare, perché è proprio il concetto di cambiamento che mi fa orrore. Questo perché fondamentalmente sono un conservatore a oltranza, fosse per me non cambierebbe mai nulla.
    Per dirti di quanto sono radicale in questa mia posizione, ti dirò che per me già spostare un libro da uno scaffale a un altro è un cambiamento che mi indispone: sono anni che sta lì, io so che quando lo cerco lo troverò in quello scaffale, se lo cambio di posto è il caos.
    Ecco, io il cambiamento lo vedo così, come un caos, un ciclone che spezza gli equilibri da me faticosamente costruiti.

    La cosa che sai fare meglio?
    Tradurre dal latino e greco. Cosa che non faccio più, perché un anno fa mi sono laureato in Lettere Antiche e da allora ho fatto altro.

    Come nascono i tuoi post?
    Leggo molti libri e guardo molti film: quando uno di essi mi dà l’ispirazione per un post, lo scrivo. 🙂

    Buona Domenica! 🙂

I commenti sono chiusi.